Browsing "Senza cicatrici"
mar 28, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Sgrana e ingrana.

Vestirmi uguale in anni otto mai passato.
Rivengo, divelgo e svengo.
Per esempio, amore.
L’avrò scritto in pixel sotto il conto dei miei polpastrelli.
Prova, scartabella e appallottola.
Se vinci ti porgo una Duvel.
Non lo puoi mica fare a tuo agio come l’aprir l’acqua al rubinetto.
Il semplice va dosato, la magia è un attimo alla fine dell’eterno.
Ci vuole scienza, un portamento esatto che guadagni in lustri.
L’inchiostro non paga, forse manco la bara.
La vita svolge il suo tema in fretta e non puoi nemmeno cambiar penna.
Firmare d’oca e ceralacca votiva.
Rifarsi il giro e sperare, pregare, sogliarsi e tentennare.
Sembra tutto fermo mentre l’orizzonte resta in silenzio ogni giorno diverso.

Vorrei poterti raccontare che basta una rima.
Ma bisogna arrivarci, prima.

mar 17, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Alzarsi e via, andare.

Torna l’onda della coscienza senza fame senza pane
parte dalla distanza per un’illusione a creanza
ognuno si rigira dalla parte del torto
raccogliendosi ogni giorno almeno un po’ più stronzo.

Vale quel che vale la ragione del non saper fare
perdendo granelli e lacci di percorsi andati
accarezzando spalle, sollevando guance
mantenendo sempre lo stesso intercalare audace.

Via, vai ovunque sgrassi che tanto il conto rode altri
lasci la mancia ma non saldi la paga
furbizia per mesti roditori d’umori imprenditori
strimpellata in bocca ad una gioventù insaccata.

Non lo capisci
perchè l’avresti già dovuto
ma non l’hai mai reso
perciò basta farmi altero e spreco
non parole grasse e vuote
perchè anche se mi spremo
la goccia non risucchia il cielo.

feb 26, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Shanghai.

Pulsar dietro il visibile fra Cappadocia e collo al freddo. Tarlami di un plausibile futuro mentre penso all’oscuro. Perfido lascivo mentre sorrido s’infischietta stridente quando scelgo un nuovo banco di prova o quando perdo con un cinese la mia quota di mora. Adoro riluttarmi per risultare sgradito ai falsi santi e se dico Agosto sudo freddo e predico redivivo.
Non ho un fischio di treno da corrergli dietro ma son svelto a contare i binari in esadecimale corrugandomi quando mi compare una virgola a richiamarmi che l’arte dell’astrazione è ben più superiore. Pelle liscia fra le rovine post belliche. Gli sbalzi di temperatura dilatano la mia luce interna fino alla speranza di un bonifico delle mie azioni peggiori. Riduzione della pena, aumento del capitale sociale subalterno al divino. Mettere in cascina la mia fascina di legna caprina senza contare quanto sale anteporre al contare debiti e remissioni.
Le orbite non sono affatto composte mentre firmo per un bisogno doppio.
feb 12, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Son cinque anni già.

Son cinque anni già:
un gruviera di sudore
al di là del confine
per guadagnarsi il pane
e la mia traccia
che non sapevi
ma già seminavi.

Manchi
a questo svincolo
che farà girar la ruota
come un bis da palcoscenico
a nuovi occhi marmocchi.

Polvere di ferro modellata,
occhi giganti per cartine di mani:
il tuo profumo non se ne va
e quando rido
tu sei marmo vivo.

feb 6, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Sconnessa.
Fantocci,
sono più viva di voi.
Per questo
lasciatemi andare:
fuori da questo scafandro
v’ho già smosso le onde.

Io
sono già altrove
irreversibilmente
sopra le leggi
sotto ai bit
oltre le frustrazioni
e nella Storia
la vostra
e di chi
mi ha stretto la mano
per anni.

Non vi ho mai visto
non vi conosco
non vi ho sussurrato
quando avevo bisogno
quando ero
ed ora non sono.

Eppure parlate
firmate
decidete
giocate a fare
l’onnipresente.

Ma chi siete?

L’unico degno
insegna in silenzio.

Fantocci,
sono più viva di voi.
Per questo
lasciatemi andare.

Pagine:«1...13141516171819...80»