apr 10, 2004 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

E questo e quello.

E questo e quello.
Se il bioritmo è un saliscendi di curve suadenti quello mio è concavo da raccolto.
In quel punto dove la linea si flette e gronda straripante di frutti post maturi io mi ci metto.
E attendo. In questo senso.
Attraversi momenti in cui della tua vita di conto non te ne rendi: stai a produrre e macinare, passi le ore a dare e a dare, stacchi da un lavoro per attacarti ad un altro cartellino da timbrare.
Svesti una cravatta, ti infili una cuffia, spilli una birra e vai a dormire alle quattro di notte.
Nel sogno, le tue voglie.
Per ricominciare arzillo e lesto il giorno dopo, o il giorno stesso.
Automa del ciclo ti normalizzi l’esistenza ma come già scritto in precedenza sai che tutto cambia anche la consapevolezza di sapere che così è.
Percui ritorna l’onda del bioritmo ed ecco che dopo anni son qui fermo e dritto.
Fazzoletto in testa, raccolgo sudore senza fretta.
Brucio la divisa, apro una nuova porta della mia vita.
Mi tuffo in un altro gioco senza come al solito aver preso cura di leggermi il foglietto delle istruzioni.
O delle controindicazioni.
Vado ad affrontare mansueto una salita senza ripiego o taglio.
Un origami da lancio libero senza rete, con il culo in aria e le chiappe esposte al vento.
Vado a tuffarmi carpiato.
Con gli occhi chiusi per non saper di vedere se nella piscina c’hanno almeno messo l’acqua.
Stordito e rilassato, oggi sono malsano.
Sicuro che finito questo scritto io rido.
Mi favo dell’uso in costume e di comunella con il sole anzichè produrre io passeggio.
Rilassato e paciato mi prenderò cura dell’orticello del mio tempo.
Sembra che negli ultimi anni io lo abbia trascurato di parecchio.
E ve lo dico prevenuto del caso in cui anche voi del mio v’ammalaste: non è bello.
E questo e quello.

apr 7, 2004 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Dentro segreto ti cerco.

Dentro,
segreto:
ti cerco.
Non posso,
non oso:
voglio.

D’attesa
incoscienza
maggio
si aspetta:
lucciole,
un prato
ed una coperta.

Tendinite acuta.

Raggomitolati
unici in fiato:
tepore
d’ugual grado.

Dentro
non c’è vento:
nulla al caso.
Tutto è calmo,
non oso:
voglio.

apr 3, 2004 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Lasagne e zibibbo.

Metti una cena a casa di.Dicevan traduttori in vite d’esplosioni su trattori che le diagonali tagliano emozioni.
Nel farlo di lato da quarantacinque gradi di caldo se ne stava traverso rispetto al mio lato destro.
Se passo attraverso un chiuso, un posto, un taglio di palcoscenico da A a B e nel farlo ondeggio ecco: io catturo l’attenzione.
Serve al pubblico, serve a me.
Il movimento porta coscienza: di quel che sto compiendo in me e di quel che sta accadendo negli altri. Catalizza.
Cataclisma.
Porsi al centro di bisturi in taglio: sbloccare l’abitudinario, scuotere le anime, smuovere il certo per l’incerto come fosse una specie di incesto fra il mio inconscio e il mio io partoriente.
Coinvolgendo l’eventuale astante presente.
Insomma smuovere un fatto, uno strafatto, un’ opinione o un’ idea scuotendone i corpi che ne offrono l’affitto.
Se così fosse ecco come si potrebbe imporre.
Un luogo e delle menti. Dementi, forse.
I soliti gesti, il solito tram. Il solito tram tram.
La certezza sciolta in ovvietà insomma che all’improvviso si discioglie.
Banalità in corporeità abitudinaria, quel che è perchè ormai automatico incorporato: il pascolo nel campo mastica l’erba, usa le mani come strumenti del destino e il chitarrista arpeggia perchè il classico così insegna.
Ma: l’erba si può d’ardito fumare, le mani qualcuno dice anche disegnare nel solo modo di comprendere l’intero corpo e il chitarrista sorprendere in sette ottavi di un ansimo da sincope.
Stravolgere: il batocchio della gente da troppo tempo impolverato si può far ondeggiare anche da mancini, e le coscienze prenderne di esse.

Inscatolatori di certezze, prevenuti dell’insonnia: perderete la quiete.
C’è in giro gente che sana non è.
Che ha deciso d’esser fuori dagli oli che imbalsano ingranaggi.
C’è in giro gente scuotimente.
Più facile che nient’altro sian che pazzi.
Ma tant’è: m’unisco a loro.
Attenti, siate svegli.
Attenti, nel tirare i dadi.
Attenti, agli imprevisti.
Nel giro da monopolio statico pescate la carta: se vi capiterà di passare dal via ritirate le ventimila.

Poi
rollando, frappeggiando,
cantando sferici e al passo,
bisogna che solo emozionarsi
per non dimenticarsi la soglia
fra vita e esistenza.
Di taglio in diagonale.
Ma poi.

mar 31, 2004 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Rudy.

Rudy
stai attenta
che così mi fai male.
Rudy
smettila
dico sul serio.
Rudy
se ti prendo
non sai cosa ti faccio.

Cosa c’è.
Niente.

A volte si perdeva come per ritrovarsi.
Io guidavo e lei guardava, ignara, fuori dal finestrino.
Tramonto dopo tramonto.
Anche, mi osservava nel percorrere uniche strade.
Finta di niente io, naso all’asfalto, ma lei mi indugiava.
Non sbatteva, mai, le ciglia in quei dolci assalti.
Facevo allora per staccare la mano dal volante e
semplice, accarezzarla.
Si voltava, in ritirata, verso il panorama.
Di nuovo.

Cosa c’è.
Niente.

Rudy
perchè
Rudy
ora non c’è
Rudy
cos’è stato che.

mar 31, 2004 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Rudy.

Rudy
stai attenta
che così mi fai male.
Rudy
smettila
dico sul serio.
Rudy
se ti prendo
non sai cosa ti faccio.

Cosa c’è.
Niente.

A volte si perdeva come per ritrovarsi.
Io guidavo e lei guardava, ignara, fuori dal finestrino.
Tramonto dopo tramonto.
Anche, mi osservava nel percorrere uniche strade.
Finta di niente io, naso all’asfalto, ma lei mi indugiava.
Non sbatteva, mai, le ciglia in quei dolci assalti.
Facevo allora per staccare la mano dal volante e
semplice, accarezzarla.
Si voltava, in ritirata, verso il panorama.
Di nuovo.

Cosa c’è.
Niente.

Rudy
perchè
Rudy
ora non c’è
Rudy
cos’è stato che.

Pagine:«1...74757677787980...97»