Browsing "Cicatrici"
apr 10, 2015 - Cicatrici, Mangianastri    Dicevi?

E risalgo al canto del ballo.

Lamenti che ti sembri
nel vedermi al paragone
nell’assemblarti con i mancamenti
il diamante si fiuta
s’osserva solo per chi
brilla, ha gioia, non si paga.

Non si è altro, non sono quello
nemmeno il più scaltro od il più bello
ma ho abbastanza polvere per avere un passato
ed un ventaglio che mi sussurra il futuro.

Sarà mio, sarà latrato e a volte stanco
ma senza risarcimento e consapevole del resto
perchè del mio valore io non ho mai accusato un paragone
ed ogni mio secondo è valso discreto al creato
del quale ogni giorno Santo io sono grato.

Quando poi alla conta dell’Alba
avrai voglia del mio sarcasmo, del mio ciancicare
del mio poveraccio sapore di labbra
dimentica tra i bicchieri e la pubblicità
di chi promette, s’espone al trucco e scompare
chissà quale sarà il cuscino della mia fragilità.

Osserva, sorridi, aspetta
quel lancio di domino che mi bussa alle spalle
nell’attesa provo lo swing al meglio
come mi riesce docile, in silenzio
tanto tutto s’è già messo in moto
salgo al faro, son di me stesso vedetta
cucio il mio giaciglio d’ombre e latte
e risalgo al canto del ballo.

feb 12, 2015 - Cicatrici    Dicevi?

Sono undici anni già.

Il senso del conto
ormai ha perso il triplo del prezzo:
voltarsi sempre
non dipana e non consente.

Oltre il sentirsi
restan petali di primavere
ed il profumo dei segni:

occhilui      occhilei

fieri i gesti in muto capirsi,
barolo in trucioli da bere
e ruggine sui chiodi dei legni.

 Nella tua spogliata stalla
già risuona un sorriso salvatore:
basterà addobbarla di pace calma
e ne risentirai tutto il calore.

dic 1, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Racconto l’universo

Incedo l’accordo col passeggio del piano
salgo verso il tuo mento senza una carezza di accenno
al capoverso t’osservo con un rimprovero pentito del siamo
quello dicono sia il calore del sole acerbo
pare un apogeo dinamico troppo rapido.

Correggo il bugiardino futuro
a mio uso e consumo pudico:
un’appartenenza oscillante
tra il battito e la sua attesa
fachiro del mio destino turbante,
levigato ambrato e niente resa.

ubi

Punge irritato il guasto al megafono
mentre compro al banco un contegno d’altri
muta la pelle e vaga lo sguardo
senza soldi per un’anima da saldi
racconto l’universo al mio infinito atomo.

set 15, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Mio resile caro

Funziona tutto quel che sali in finzione
spesso e volentieri sempre all’occasione
ottima analisi del tarlo acquiesciente
senza peraltro un pane di abbraccio latente.

Busa del masso che ti scaglia l’addosso
fuoriposto, magnabagascia, fungo di cosmo:
fosti un scappa scappa di tua ambascia
e resti spora di soffione che s’accascia.

Alice li vedi i cani che sbranano arresi
quel che credevi i tuoi dolci compagni fieri
ora non son altro che nere pregunte
che insegnano alle stelle come tagliarsi le punte.

gen 9, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Grano e campi di corvi

No.
Non nel verso
nel senso del tolto all’avverso
non nel placido
non nel pacato quadro caldo
non nel soffice gusto
o nel solido armonico mistero.
Ma.
Nelle chele delle virgole
nella punta esclamativa
nella pozza rossa
del punto interrogativo.
Là.
Stavo fermo
mi riconducevo
brindavo traballante
e solo cantavo.
Sì.

Pagine:«123456»