Browsing "Cicatrici"
lug 29, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Piolo

Scherzo di parole a letto
non c’è capoverso tutto va stretto
tra bollini rossi e rovi di sole.
Girerà, fioriranno e sarà bel fresco
l’afa rende pesante tutto il resto
sto qui e non aspetto e a volte tentenno
ma l’amaro scuffia di un dolce argento.

Lettere compagne
per voce senza accordo
volgo e non valgo
tutto scuoce
ed io non son rumore.

Limbato d’asta stanca
costanza rimanenza danza
s’avanza e arranca
ma il punto è ferrato
e la vetta è una scelta
sempre più densa.

mar 30, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Non valevole

Ciccioli: così, senza neanche che. No, non è valevole.
Ciao, che non sai quanto tu.


On The Mike – Sigla 12/13

feb 12, 2013 - Cicatrici    1 Commento

Son nove anni già

Son nove anni già
bianco fiore giunto al miele
fieri e belli al nuovo insieme.

Ormai sarete al sempre litigati
ripresi al vostro tripasso
polenta, orto e camicie profumate
la sera d’accarezzo al gatto
ed il bianco e nero della tv accesa.

Vi guarderete di vita che solo voi
mentre briciola il pettirosso
e fuori nevica il mondo.

Vi sento quieti
quanto basta
per colmarmi il cuore
in un sorriso pronipote.

set 21, 2012 - Cicatrici    Dicevi?

Cadenza d’inganno

Spaventoso bianco silenzioso
fuor dal mondo
chiusa la gabbia senza grata
frullati pensieri a galloccia
tutto si assesta
ma all’esterno dell’esco
mi spengo
non riesco
quel tutto credo
si sgretola di confronto
frusta e incendia
sparadossa gli assi
scastra e sblatta
ed estirparlo
squarta.

set 10, 2012 - Cicatrici    Dicevi?

Umarells

Scende il cielo anche stasera mentre attraverso senza guardare le strisce d’oro sulle ali.
Bevo un caffè e accarezzo i bottoni d’argento che mi stringono le cicatrici.
Poso la pala e scavo.
Traccio le tracce nel muro, prendo la mazzetta, lo scalpello e picchio.
Prendo l’ultimo pezzo di biscione in gomma dell’autopompa: cambio gli stivali del gatto con quelli da pescatore.
Mi imbogo nelle gabbie di ferro.
Mi casca il tenaglio, mi scivola sotto al pannello di due metri.
Appoggio lo stesso pannello di legno sopra dei cavalletti rauchi: prendo il pennello, quello grande per dipingere una parete grande, lo impregno di impregnante e lo passo sul suddetto pannello.
Anzi no, prima devo afferrare la cazzuola al contrario e scrostare il cemento secco dell’ultima gettata.
Vado a prendere le cravatte per la festa: a lame di 4 con dell’acciaio a cuneo le incastro in distanza di 40 centimetri.
Misuro col metro di legno.
Puntelli.
Mi mancano i puntelli.
Vita e svita e stringi.
Taglierina e legno.

Mi manca pure il chiodo di acciaio temprato per entrare nel fresco del cemento armato.
Mi manca infine il pizzico dello spago rosso che segnala le tracce per terra sulla nuova soletta.
Forati, da quattro, da otto, conci per conciarmi senza pensieri.
Borsa per il martello.
Togliere tutti i chiodi dalle assi.
Un sacco di calce ed uno di cemento, impastare.
Betoniera.
Attenzione con la gru, colpi secchi e niente ondeggi che ti cade la vita addosso.
Vibrare il fischio di avviso, mangiarmi un cotecchino.
Pulirsi il culo con l’interno della carta dei sacchi di malta.
Tagliare i conci con la pinza grossa, isolare il tetto, camminare sul ponteggio.
Falsi telai, umidità e bidone del ferro col fuoco dentro.
Acqua ghiacciata nei tubi, abbronzatura abbrustolita che ti si riconosce.
Matita sbucciata per segnare le pareti di misure precise.
Tavolati sbagliati, tavolati storti, tavolati perfetti.
Piccone e badile per raccogliere sudore, altro che rime.
Bagnare la platea, stongiare liscio e perfetto.
Controllare l’assenza della curva sulle assi da 4 metri.
Sentirsi parte del progetto oleoso di un antico capocantiere.
Puzzare, gustare, sognare.

Mi manca la tecnica,
abbondo di inutile estetica.

Pagine:«123456»