Browsing "Cicatrici"
dic 1, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Racconto l’universo

Incedo l’accordo col passeggio del piano
salgo verso il tuo mento senza una carezza di accenno
al capoverso t’osservo con un rimprovero pentito del siamo
quello dicono sia il calore del sole acerbo
pare un apogeo dinamico troppo rapido.

Correggo il bugiardino futuro
a mio uso e consumo pudico:
un’appartenenza oscillante
tra il battito e la sua attesa
fachiro del mio destino turbante,
levigato ambrato e niente resa.

ubi

Punge irritato il guasto al megafono
mentre compro al banco un contegno d’altri
muta la pelle e vaga lo sguardo
senza soldi per un’anima da saldi
racconto l’universo al mio infinito atomo.

set 15, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Mio resile caro

Funziona tutto quel che sali in finzione
spesso e volentieri sempre all’occasione
ottima analisi del tarlo acquiesciente
senza peraltro un pane di abbraccio latente.

Busa del masso che ti scaglia l’addosso
fuoriposto, magnabagascia, fungo di cosmo:
fosti un scappa scappa di tua ambascia
e resti spora di soffione che s’accascia.

Alice li vedi i cani che sbranano arresi
quel che credevi i tuoi dolci compagni fieri
ora non son altro che nere pregunte
che insegnano alle stelle come tagliarsi le punte.

gen 9, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Grano e campi di corvi

No.
Non nel verso
nel senso del tolto all’avverso
non nel placido
non nel pacato quadro caldo
non nel soffice gusto
o nel solido armonico mistero.
Ma.
Nelle chele delle virgole
nella punta esclamativa
nella pozza rossa
del punto interrogativo.
Là.
Stavo fermo
mi riconducevo
brindavo traballante
e solo cantavo.
Sì.

ott 17, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Layout

Del chi
a me d’esser buono di ricordo
far quello che han cullato tra i se
per il fatto che sarò quel che ero
mi scaglia in angolo
mi cosparge del fiato del ghiaccio
perchè sempre meno di niente
è lo spunto del chi ti ha voluto.

Non fermarsi tra le mie lettere affiancate
è ormai quasi un solletico
un giochicchio appuntito
un convivermi incrociato e sgrassato.

Potessi sciogliermi i nodi
tornerei marino tra i fiori
esca del mio fiore di pesco
e questo di certo
non mi sarebbe semplicemente corretto.

ago 22, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Lievemente ardito

Tu
forte, dev’esserti forte
mentre i baloon salgono al cielo
la spiaggia freme e la parvenza dell’ombra dell’uomo s’asciuga
sai di scoglio, infrangi i flussi dei flutti e ritieni semplice l’andar dell’onda.
Cavalchi e scalci senza motivo il tuo demone
ma l’ossesso non scortica l’osso
sbuchi e sotterri la sorpresa
tra il giovane e il vecchio quale è il tuo mezzo?

Tu
ed ora la mia default song
sale ad un livello più aulico
con l’appoggio forzato di un coro di prospetto
esalta l’esserci
non c’è tempo per la paura
la pioggia mi brucia
mentre guido le pupille
verso un abbraccio senza fiato.

Tu
lasciami cantare di piuma
che comunque la vita sorprende tagliente
che forte, s’ha d’esser forte
resto otre di cose vuote
all’imparo del mare
non disseta e non s’arrende
continua a far brezza
prima della tempesta.

Ah
cosa ne pensi
mentre danzo sull’erba
o respiro le stelle
non sì può un bel niente
oltre il muro d’acqua
c’è il mio show
perciò tuffarsi
da quel che forgi mio
è quantomeno lievemente ardito.

Pagine:«123456»