Browsing "Polaroid"
mar 20, 2019 - Calamai, Polaroid    Dicevi?

Il giorno prima

Cani sciolti per fardello
attenti al primo che si distoglie
affamati di strade non viste
o di cibo senza importanza:
alla prima luna di borgo guaiscono
mentre si raccontano le ferite
con l’acqua negli occhi.

Il primo caldo invade
non si presenta e si siede
ammalia e millanta
eccita di malinconia
e rifugge d’aceto.

Stasera all’Odeon
vecchi in pellicola
parlate arcaiche
gesti tronfi
e baci crudeli.

feb 14, 2019 - Polaroid    Dicevi?

Sinceri

Scorrendo l’ombra
eccolo
forse era
quel lasciarsi andare
buia fiducia
tensione
fior di luna sciolta
erba futura rugiada
sterpaglia
calore disperso
pelle accesa
corsa al fiume
stesse gocce
guance lievi
sinceri.

dic 12, 2018 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Ah, il post del 25 già

Uscendo sto attento al friccichio
e dietro l’angolo attendo
pare vento
e togliendomi la coppola
indugio
s’alza un sorriso
vivo diffuso
allungo le giornate
sapendo del tuo gioco
e del domani che mordi
mentre quel che riavvolgo
tu lo dipani
tutto cresce
sotto il sole
tutto va
che in un momento
il nulla si fa
scanzonando il tempo
la voce cambia
n’esce colore
quale pace
senza nome.

ott 11, 2018 - Polaroid    Dicevi?

E non si dorme

Sospendendo il turbine
tra l’intenzione del sempre
e l’istanza del dunque
vi è un barbiggio d’essenza
che spesso si diverte
mentre si lamenta
ed è in quell’ora
che smette al cielo la pioggia
l’affanno incontra la novella
e non si dorme
ma si sogna.

set 19, 2018 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Luccio di montagna

Spalle al muro
con questo fischio indecente
tra un tasto e l’altro del pianoforte
senza ascoltare un pallone perduto
o un fisico tropicale
non vale.

Raccogliendo mezzi ceffi sopraffini
ed esempi calzanti di perfetti sconosciuti
rugoso d’affetti e tenue negli abbracci
strimpellato d’assenze vocali
e quanti ingenui racconti silenti
ma attenti.

Star così pianti da esser contenti
nel veder le luci abbastanza distanti,
le spalle delle montagne amiche
e le pietre in riva asciugarsi
di quel che fa le giornate corte
in sorte.