Browsing "Mangianastri"
giu 27, 2017 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Oltre è sempre un buon verbo

Un abbaio da chissà quale castello
mentre ora dimmi quale risposta dai
a questo grigio tutto assurdo
sul baricentro tra cielo e fiducia
vagando al largo di un tardo letargo.

Foss’Ottobre pagherei la retorica
al caleidoscopio delle foglie
svanendo al fronte di un improvvisa radura
imerme difronte al gioco delle ombre
e latente all’assenza del dubbio.

Tuttavia adesso hai un permesso
e un dirsi dal biglietto che stringi
perciò accomoda gli alibi, falsa gli accordi,
muta i cartelli e soffia la nebbia
che oltre è sempre un buon verbo.

Calibri corpo undici

Nemmeno un laccio o uno stratagemma
l’attorno non credeva al lampo nè al profumo del fieno
solo un qualcosa che sapeva di aver perso
ma non come tornare dove pensava fosse il posto
solo avanzare e non poter domandare
straniero nel suo essere andante
mai nell’agio di un buon pasto
o nel corpo sotto un tetto.

Nessuna lama, bagaglio scarso al suono
un piede dopo l’altro e attento alle lupinelle
pacato durante uno schiaffo
curioso alle carezze
e discreto nell’andarsene
senza un perchè nelle tasche
ma con buoni girotondi
e oltreoceani nelle pozze degli abbracci.

mar 30, 2017 - Mangianastri    Dicevi?

Peserò ogni battito

Se esco son fregato
osservo e gioco da serio
un pensiero invadente
solo per salutare
di nuovo
senza lacrime o sospiri di orizzonte
un ricordo che non si spoglia
che posso dire o fare
se non trovare la chiave
se non mi ripeto trasversale
rallenterò il ritmo
e peserò ogni battito.

La fine del castagno

Un secondo d’uomo:
bastante al percorso
cencioso all’incompreso,
difetto al sapor del poco spavento.

Zucchero d’amor perduto
imitazione di un popcorn scaduto
lampo intuito lontano
re degli astanti silenti
angolo della sfera
migliore dei migliori increduli
giovincello in attesa del fuoco
assaggio di una sveglia già suonata
nessuno vuol vederti luccicare.

Un’altro anno va a dormire
la Fender attende ancora il suo sol
Cinecittà sta smantellando i suoi perchè
e la tua ragione si sta svalutando
il cielo mi chiede se son vivo
fa il bischero con le mie vene
che gli dovevo un abbaglio di pazzia.

apr 10, 2015 - Cicatrici, Mangianastri    Dicevi?

E risalgo al canto del ballo.

Lamenti che ti sembri
nel vedermi al paragone
nell’assemblarti con i mancamenti
il diamante si fiuta
s’osserva solo per chi
brilla, ha gioia, non si paga.

Non si è altro, non sono quello
nemmeno il più scaltro od il più bello
ma ho abbastanza polvere per avere un passato
ed un ventaglio che mi sussurra il futuro.

Sarà mio, sarà latrato e a volte stanco
ma senza risarcimento e consapevole del resto
perchè del mio valore io non ho mai accusato un paragone
ed ogni mio secondo è valso discreto al creato
del quale ogni giorno Santo io sono grato.

Quando poi alla conta dell’Alba
avrai voglia del mio sarcasmo, del mio ciancicare
del mio poveraccio sapore di labbra
dimentica tra i bicchieri e la pubblicità
di chi promette, s’espone al trucco e scompare
chissà quale sarà il cuscino della mia fragilità.

Osserva, sorridi, aspetta
quel lancio di domino che mi bussa alle spalle
nell’attesa provo lo swing al meglio
come mi riesce docile, in silenzio
tanto tutto s’è già messo in moto
salgo al faro, son di me stesso vedetta
cucio il mio giaciglio d’ombre e latte
e risalgo al canto del ballo.

Pagine:123»