Browsing "Mangianastri"
ago 29, 2019 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Il movimento dell’assenza

Brucia quieta
il movimento dell’assenza:
onda stagna derisa,
bettola per aspre posture
se volessi aprire il cielo
parrebbe indecidersi.

Carrucola sfilacciata
sentinella persa
vuota di peso
sazia d’acqua cheta
arresa al vento
parca musa smaliziata.

Al tuo credersi voce
pulsa l’ombra del fuoco:
ruga senza sonno,
persa al gioco,
ninnola sbadata
morsa silente dal fiato.

Fresnel

Dazi ed incensi
lontani dai giusti sentieri
opachi e pesti
brillocchi di quieta cera
unti da palmi di mani stanchi
scorze di quei forse
di cui danzano le onde.

Miele di rena
conta di buffi racconti
monile sgretolato dai sogni
più colpi che spinte
che di gioie brune
e pasti dipinti
son piene le quinte
e sazi solo i vinti.

dic 12, 2018 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Ah, il post del 25 già

Uscendo sto attento al friccichio
e dietro l’angolo attendo
pare vento
e togliendomi la coppola
indugio
s’alza un sorriso
vivo diffuso
allungo le giornate
sapendo del tuo gioco
e del domani che mordi
mentre quel che riavvolgo
tu lo dipani
tutto cresce
sotto il sole
tutto va
che in un momento
il nulla si fa
scanzonando il tempo
la voce cambia
n’esce colore
quale pace
senza nome.

set 19, 2018 - Mangianastri, Polaroid    Dicevi?

Luccio di montagna

Spalle al muro
con questo fischio indecente
tra un tasto e l’altro del pianoforte
senza ascoltare un pallone perduto
o un fisico tropicale
non vale.

Raccogliendo mezzi ceffi sopraffini
ed esempi calzanti di perfetti sconosciuti
rugoso d’affetti e tenue negli abbracci
strimpellato d’assenze vocali
e quanti ingenui racconti silenti
ma attenti.

Star così pianti da esser contenti
nel veder le luci abbastanza distanti,
le spalle delle montagne amiche
e le pietre in riva asciugarsi
di quel che fa le giornate corte
in sorte.

Traèrs

Erba che neve del greve
guarda là per le valli
al fieno che le donne rivolta
c’è un cielo a cappello
e un fiore di quel che si sente
senza una valigia che conti
l’esser mica tanto in bolla
vicino al torrente
perduto nel canto dei larici
lasciarsi all’ondeggio
sopra il vento di malga
e vuotarsi il pane d’anima
col salto più alto del guado
mai più lontano del fumo.

Pagine:12345»