Browsing "Senza cicatrici"
feb 6, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Sconnessa.
Fantocci,
sono più viva di voi.
Per questo
lasciatemi andare:
fuori da questo scafandro
v’ho già smosso le onde.

Io
sono già altrove
irreversibilmente
sopra le leggi
sotto ai bit
oltre le frustrazioni
e nella Storia
la vostra
e di chi
mi ha stretto la mano
per anni.

Non vi ho mai visto
non vi conosco
non vi ho sussurrato
quando avevo bisogno
quando ero
ed ora non sono.

Eppure parlate
firmate
decidete
giocate a fare
l’onnipresente.

Ma chi siete?

L’unico degno
insegna in silenzio.

Fantocci,
sono più viva di voi.
Per questo
lasciatemi andare.

feb 4, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Prima del nuovo salto.

Sbulbandomi gli epiteti com’occhi farnetici resto in devianza di presenza ad osservare dall’altro angolo la gente che scende e che sale. Tutto m’affatica, germoglio che scuote la primavera, annaspa la terra, ascolta il calore del sole. Mi piacerebbe stender le spalle con le mollette ad asciugare, restarmi bucato attraverso il vento ed apprezzare la parabola del giorno. Aspiro per non infeltrirmi e spruzzo inchiostro su fogli notturni. La cera che cola al tramonto modella una statua in disaccordo. C’è da graffettare, sporcare, mettermi del Blu sotto il palmo della mano. Chinato a riavvolgermi nel mare aspro per giocare a riemergere trattenendo il fiato: sotto le onde la luce s’attende diversa.
gen 20, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Dreams from Our Father.
Rarefatti ad un obelisco, presenti d’un puntinismo,
ad memoriam abbracciati.
Fonde sottozero la pelle del presente:
sente, avverte oltre quel che la banda tende.

Oggi, se per brindare. Oggi, ascolta e sogna.
Oggi è già quel che non ti accorgi.

gen 17, 2009 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Bluegrass and stars.
Precluso canuto
sepolto ossuto
rubo squarci
di legni marci
tra fiori e santi.

Elga voglia
avanza lenta
stanca l’ombra
lava l’onta
e raschia l’aria.

Salvo in fede
incrocia croste
lima unghie
glassa chiese
inchina le chele.

Marta canta
brezza di pane
bucato di rose
sole diamante
nome al colore.

Precluso canuto
sepolto ossuto
rubo squarci
di legni marci
tra fiori e santi.

Fermo corre
equo al centro
raso binario
bolla colla
schiuma d’onda.

Clara contessa
ricama atti
impone attori
imbalsama cuori
catrame ai polmoni.

Precluso canuto
sepolto ossuto
rubo squarci
di legni marci
tra fiori e santi.

dic 23, 2008 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Bardo’s Carol.

Cascata di fumo sul parquet lucido.
Bardo il piccolo s’avventa contro l’ospite inatteso e sconosciuto. Fa il feroce ma in realtà si squaglia al primo sole perciò l’attacco non va oltre l’intenzione. Ad un ridosso di bottone già son girotondi e scaglie di furore in burro agrodolce. Solo quando si accorge del mio stare a guardarlo allora si riavvolge mentre il nuovo arrivato guadagna l’attenzione.
Piacere mi scusi si figuri fa sempre così con gli sconosciuti ma le pare ci mancherebbe gradisce un cordiale no grazie diamoci subito da fare effettivamente l’ora è tarda e qualcuno si potrebbe svegliare.
Poggiato il sacco e svelato il laccio eccone uscire quel che muore a dire. Convenevolmente imbarazzati e sorpassati da anni allunga ossa ci si guarda come la prima volta.
Non si doveva disturbare guardi che per me è un lavoro si guadagna bene lasci stare non mi dirà che va tutto in beneficenza davvero le assicuro che lavoraccio mah cosa vuole che le dica una volta all’anno perbacco dunque tutto questo e beh e certo.
Comincia a nevicare ed al primo fiocco tutto di colpo diventa manto persino Bardo s’affaccia quieto al quarto angolo della finestra in legno ad osservare il freddo mentre si lecca il pelo.
Quindi ora riparte per ma faccio la Francia poi la Spagna pensavo andasse a oriente no è che mi è più comodo l’antiorario guadagno sul fuso non mi dica le dico non mi dica le dico vuole un caffè grazie ma l’ho appena preso dal suo vicino e così deve già partire allora all’anno prossimo all’anno prossimo risale dalla fuliggine no se non le dispiace esco dalla porta ma le pare come una persona normale beh se ci passa la pancia ci passa tutto il resto ah ah ah ah anzi direi o o oh o o oh.
La coda di Bardo s’è smessa il volteggio ed ora se ne sta placida come la sua palpebra accanto alle lucine che gracchiano ed incantano. Lo saluto soffiando sulla candela e lui nel buio sogna un allontanarsi dei campanelli bianchi.
Pagine:«1...14151617181920...80»