giu 25, 2013 - Calamai, Senza cicatrici    Dicevi?

Mechanè

Ambrata per controluce
spaventata dall’ellittica considerazione di se stessa.

Pliè
sei attente strade per osservare tutto il pubblico
aspetta un secondo,
alleggerisco l’indice verso l’alto
arrivo subito
riesci a vedere la luce
oltre il ferro battuto
sfuoca la notte
s’arrende al gioco delle stelle.

Ah
il nostro diastema da canini
ci morde e ci nutre
rotola sopra la moquette
consacrandosi sotto le guglie
a spalle nude
al bagno dei capelli
pittato nel cerchio
tempestato di sole.

Corri
sfruscia l’erba
ribolle il tuffo
s’avvolge l’ombra
ruota la stanza
cade il velo
si vola.

mag 27, 2013 - Mangianastri    Dicevi?

Regola di Carson

Dondola
colla in furia
che cieca si arresta
curva e saltella
al ritmo del pugile sfida
ostenta per fiera attesa
forza nera fa da piega.

Risalta
il cono d’aria
direttiva portante
fende brucia e contende
essenza divertente
tra carbonio e diamante
conduce senza solvente.

apr 25, 2013 - Polaroid    Dicevi?

Due per uno tre

Due per uno tre,
gloria al padre alla madre e a te
mitosi di splendori
ada che l’indice chiama
spegni la luce accendi la mamma
torta a pois d’oltreoceano
per la festa di una buona liberazione.

Che entri la gioia
si sieda e resti
s’inviti a cena
racconti di mani unte e pensieri lieti
tocchi leggeri
sparsi riordinando i velieri
alzi le tende inesistenti
faccia entrare il sole
doni calore oltre il magone
perchè oggi passerà il raffreddore
per quel che era sbufferà
lasciando la luna piena
e la tua mano sulla mia schiena.

Ci son tempi complessi
pezzi di ghiaccio endovene
rari di fieno e sazi di pece
che dentro t’incollano al buio
ma
il lavoro del vento è eterno
la brezza calda non ti volta
e sciogliersi succede
come il pianto, la gassa,
la risata che prima non c’era.

Signor Mediterraneo,
grazie per l’immensità d’insegno
la placida tutela della pazienza
la grandezza del vuoto
consapevole di un approdo
che non lo vedi ma lo senti
e che solo son nulla
che i compagni sulla nave
saran taglienti ma sinceri
che ti devi fidare
se vuoi capire quanto aspro sia il sale
ma quanto bene possa fare
intorno al mondo
puoi esser bandiera a sventolare
in balia del primo scirocco
o ferro foss’anche arrugginito
ma pur sempre padrone del tuo destino.

Consegno a stretto giro di posta
quest’eterno firmamento
al mio unico doppio universo
oggi al festeggio.

Buon 25 al nostro boccale
al brodo che cuoce il futuro
al nostro secondo anno numero uno
al doppio passo del verbo amare.

mar 30, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Non valevole

Ciccioli: così, senza neanche che. No, non è valevole.
Ciao, che non sai quanto tu.


On The Mike – Sigla 12/13

mar 28, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Boröle

Commediante commediante
col tuo bel lacchè
e la toppa sul bacucco
ballami di samba
povera gioia
che se starnuti
ti si leva la cera.

Mio bel sultano
pagami di swing
il mio servizio notevole
robusto e preciso
all’incrocio delle brugole
che la secchezza di corde
produce crini incrinati
di notevole caratura
e supportanzievole peso.

Stop, hey, what’s that sound
fermes u moment
palindroma sai di ragione anche tu
che a faticar e mattoni
siamo a posto
tra un bricco e un rimbocco
cosa voglio di più?

Conformismo
e pressione bassa
tra spread e boröle.

Pagine:«1...9101112131415...94»