gen 9, 2014 - Cicatrici    Dicevi?

Grano e campi di corvi

No.
Non nel verso
nel senso del tolto all’avverso
non nel placido
non nel pacato quadro caldo
non nel soffice gusto
o nel solido armonico mistero.
Ma.
Nelle chele delle virgole
nella punta esclamativa
nella pozza rossa
del punto interrogativo.
Là.
Stavo fermo
mi riconducevo
brindavo traballante
e solo cantavo.
Sì.

dic 25, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Miele Selvatico

Ciao,
un’esca molesta la punta del mio siero.
Torno indietro ma non trovo nulla,
solo una fotografia del mio buon pensiero.
Sono certo che quest’anno sarà pagato,
e tutta questa attesa finalmente capirà.
Non c’è motivo per raccontarsela con altri sguardi
o nel tirar le coperte al cielo:
con silenzio e parole in balletto
ogni strada avrà il suo ricordo.

Vieni,
quell’intruso dentro al non detto
sarà svincolato dal contratto
e la risata svelerà la combinazione
rinascerà d’un giorno perfetto:
sopra una panchina di un parco,
danzando assieme a te,
afferrandoci forte,
tenendogli la mano.

La musica,
note tra passi e neve
raccoglierà il filo, avvolgerà il destino,
guiderà i passi finchè s’arroccherà la voce
e farà male, e farà bene,
splenderà del suo raccolto tributo,
sfamerà e racconterà
finalmente la sua alba scalza
pronta a scaldare
quel che non si può fiatare.

Tu
dormi, che passa,
regna di sogni che restano
e sarà un buon risveglio:
per un mio attimo
rallenterò il tuo battito
profumati di miele selvatico.

nov 22, 2013 - Polaroid    Dicevi?

Birds

Il re di piume assurge
pontifica e spilucca il manto
fa ciao ciao col becco
ma non è mai quieto dentro.

Oh wait
ora canta perchè sorpreso d’alba
riluce pregiato
allunga il collo sul ramo
poi ripiega perplesso e ammaliato.

Distorce con l’unghia il laghetto
discolo e caparbio scucisce
è il suo corto specchio
ci gioca annoiato prima d’altro.

La stella sul petto
sigillo ed essenza del mondo
batte d’un tempo imperfetto
nonostante abbia un bel riflesso.

ott 17, 2013 - Cicatrici    Dicevi?

Layout

Del chi
a me d’esser buono di ricordo
far quello che han cullato tra i se
per il fatto che sarò quel che ero
mi scaglia in angolo
mi cosparge del fiato del ghiaccio
perchè sempre meno di niente
è lo spunto del chi ti ha voluto.

Non fermarsi tra le mie lettere affiancate
è ormai quasi un solletico
un giochicchio appuntito
un convivermi incrociato e sgrassato.

Potessi sciogliermi i nodi
tornerei marino tra i fiori
esca del mio fiore di pesco
e questo di certo
non mi sarebbe semplicemente corretto.

set 21, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Geyser

Quinquennio fra me e il mio pitch
robe di una certa grafica scenica
molto più di una semplice ugola punta d’acuto
c’è tutto un discorso d’avvenire
che si morde la lanuggine delle mie poche banconote.

Spaventerò quieto dalla felicità
al primo venir meno del fiato brusco
mi godrò la tempesta
essa stessa mia essenza
senza fesa nè sirena
ma guardia della mia preda
che dentro tace
e tutto annega.

Pagine:«1...10111213141516...97»