feb 12, 2011 - Calamai    Dicevi?

Son sette anni già

Son sette anni già:
diluvio fiero d’un canto alto,
burbero al salice del tatto
radice del mio albero caposaldo.

Manchi a questa festa
rude ramo di ginestra:
rugiada per primula dorata,
caldo basco sul tulipano colto,
rosa d’acqua mai dimenticata.

Ma il tuo vino è pronto:
la famiglia allargata,
la tavola consacrata
e la gioia appena sgorgata.

feb 1, 2011 - Polaroid    Dicevi?

Il milione

Quando scesi dal cargo per pucciare i miei piedi nella sabbia di Alessandria un buon uomo mi portò a spasso col suo taxi tutto strambo in lungo e in largo verso il lungomare di un popolo orgoglioso e fiero. Andai al mercato: incrociai sorrisi, scambiai racconti con arance, ballai nel dolore e rimasi muto nel momento in cui condivisi la gioia. La sera appoggiai la schiena ad una palma giocando alla conta delle persone in un solo furgone e piansi all’ora del canto quando sgorgò dal minareto un racconto del mistero.

 

Per quel
che vale
respirai aria buona,
profumo di pane
e di pelle umana
che vale.
Non mi sentii
mai
solo.
gen 26, 2011 - Senza cicatrici    Dicevi?

Casoncelli e tulipani

Avanti con fierezza
senza soldi senza fretta
avanti con i fiori stretti
i tramonti alti
le braghe rotte.

Avanti con la fede
con le vite nuove
e le pancie vuote.

Avanti chissà dove
nascondendo fatica
scartavetrando scelte
del non arrivi a niente.

Avanti con orgoglio
fiutato e storto
di chi a un sogno
e un giro al molo

di chi ha un sogno
e un fuoco buono
di chi ha un sogno
e un amore solo.
gen 12, 2011 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

Bacheca con colpo della strega.

Prima il banjo, poi un’attenzione.
Le due colonne dopo il dieci ne faranno un anno rauco.
Poc’astruso.
Ci si vedrà un bel splendore erto.
Non come adesso, che son qui avvitato a stento per via di un aratro tosto.
Ora punteggio con la quiete dei panorami larghi ma sta già scandendo il tempo.
Per questo ti avverto: sarà un erba scalza da temporale ma non ti preoccupare.
E’ che danzerà il vento, ci saran così tante cose da fare e così poco da star fermo.
Sei invitato al ballo.
Portati un sorriso e un giro lento.
Prendi fiato, riponilo al sicuro dentro all’eco: tra poco sarà onesto al salto.
Pronto? Uno, due..

dic 23, 2010 - Senza cicatrici    Dicevi?

>

E’ di nuovo il post del 25.

Oh oh oh
è di nuovo il post del vigilante
quello che avresti voluto
dovuto aver paffuto
e invece
senza neve pare cenere
piove n’aria gelida
che raddrizza la cute ballerina
e ti ostica abbracci e mattina.

Mi metto in un cantuccio
sotto al vischio del vinsanto
e attendo il babbo:
al suo scendere scaltro
l’agguanto brandendo
il suo acido didietro.

A tutti quelli
che mesciano parole
perchè così lustrano
il son capaci tutti
lascio le penne
senza le mie maniere
di star sghimbescio
ad osservare il cielo.

Per chi non brucia
nell’incenso denso
da gran cerimoniere
del salcazzo a prosopopea
solo perchè pota parole
e non si scontra con le rate
dico piacere
vada a rifarsi il sedere.

Qui l’anno decano
ha rubato bastardo
platino e sale
subito dopo il miele:
sappia il tempo
che io son paziente
attendo e limo bene.
Per fortuna
le due stecche
s’attendon di celeste
e la primavera
s’è già messa
il profumo della sottoveste.
Pagine:«1...19202122232425...96»