Browsing "Senza cicatrici"
gen 21, 2014 - Senza cicatrici    Dicevi?

Battery Park

Non ho combinato un granchè lo ammetto
a causa di questo libretto sordo
più che costruito ho ammirato
l’alzarsi solenne del tulipano
o il rosa timido dei portoni al tramonto
col fumo d’altri sulla giacca
ed una voce di polvere andante.

Curvo e sdentato mi resta il concedo del fosforo ai posteri.

Un musico lo vorrei or più che mai
che sento stanca la metrica e mai le note
dottore lei ha una parcella simpatica
ma io non levo la ruggine da queste rotule
e conti alla mano mi conosce:
io rido in silenzio ormai troppo.

La luna piglia un nascondersi e la mia nave è già tua.

Ti dissi di sassi e mari
come ostenti quello a cui non credi
mentre l’aria ti ascolta e t’abbraccia
qui non sei lontana da nulla e per nulla sconfitta
ci sarà sempre un mezzo bicchiere
ed un biglietto per andare e credersi tutto
con i binari sempre incrociati
fra dadi e i nostri giochi di scacchi.

dic 25, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Miele Selvatico

Ciao,
un’esca molesta la punta del mio siero.
Torno indietro ma non trovo nulla,
solo una fotografia del mio buon pensiero.
Sono certo che quest’anno sarà pagato,
e tutta questa attesa finalmente capirà.
Non c’è motivo per raccontarsela con altri sguardi
o nel tirar le coperte al cielo:
con silenzio e parole in balletto
ogni strada avrà il suo ricordo.

Vieni,
quell’intruso dentro al non detto
sarà svincolato dal contratto
e la risata svelerà la combinazione
rinascerà d’un giorno perfetto:
sopra una panchina di un parco,
danzando assieme a te,
afferrandoci forte,
tenendogli la mano.

La musica,
note tra passi e neve
raccoglierà il filo, avvolgerà il destino,
guiderà i passi finchè s’arroccherà la voce
e farà male, e farà bene,
splenderà del suo raccolto tributo,
sfamerà e racconterà
finalmente la sua alba scalza
pronta a scaldare
quel che non si può fiatare.

Tu
dormi, che passa,
regna di sogni che restano
e sarà un buon risveglio:
per un mio attimo
rallenterò il tuo battito
profumati di miele selvatico.

set 21, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Geyser

Quinquennio fra me e il mio pitch
robe di una certa grafica scenica
molto più di una semplice ugola punta d’acuto
c’è tutto un discorso d’avvenire
che si morde la lanuggine delle mie poche banconote.

Spaventerò quieto dalla felicità
al primo venir meno del fiato brusco
mi godrò la tempesta
essa stessa mia essenza
senza fesa nè sirena
ma guardia della mia preda
che dentro tace
e tutto annega.

giu 25, 2013 - Calamai, Senza cicatrici    Dicevi?

Mechanè

Ambrata per controluce
spaventata dall’ellittica considerazione di se stessa.

Pliè
sei attente strade per osservare tutto il pubblico
aspetta un secondo,
alleggerisco l’indice verso l’alto
arrivo subito
riesci a vedere la luce
oltre il ferro battuto
sfuoca la notte
s’arrende al gioco delle stelle.

Ah
il nostro diastema da canini
ci morde e ci nutre
rotola sopra la moquette
consacrandosi sotto le guglie
a spalle nude
al bagno dei capelli
pittato nel cerchio
tempestato di sole.

Corri
sfruscia l’erba
ribolle il tuffo
s’avvolge l’ombra
ruota la stanza
cade il velo
si vola.

mar 28, 2013 - Senza cicatrici    Dicevi?

Boröle

Commediante commediante
col tuo bel lacchè
e la toppa sul bacucco
ballami di samba
povera gioia
che se starnuti
ti si leva la cera.

Mio bel sultano
pagami di swing
il mio servizio notevole
robusto e preciso
all’incrocio delle brugole
che la secchezza di corde
produce crini incrinati
di notevole caratura
e supportanzievole peso.

Stop, hey, what’s that sound
fermes u moment
palindroma sai di ragione anche tu
che a faticar e mattoni
siamo a posto
tra un bricco e un rimbocco
cosa voglio di più?

Conformismo
e pressione bassa
tra spread e boröle.

Pagine:«12345678...80»