Browsing "Calamai"
lug 20, 2021 - Calamai, Polaroid    Dicevi?

Piacevoli equivoci

Otto minuti al nulla:
picco di assenze
e caffè corretti grappa,
baraonde inutili d’anime scontente
e voti socchiusi pronti al mercato.

Ricalibrarsi è complesso,
ritrovarsi al limitare del salto
è poi quanto vero bizzarro
ma al fine siamo
quel che ora di noi non sappiamo
pertanto a guisa di respiri distesi
saltando ci concediamo
vuoti piccoli e giochi immensi.

La distanza di un bacio
raccoglie un paio d’anime storte,
buone speranze perennemente acerbe,
trombe d’aria, piacevoli equivoci
e gesti incomprensibili ai sani.

gen 20, 2021 - Calamai    Dicevi?

Piacente al fine arresa

Il perfido affusolato assioma
ostenta da ogni arduo arrocco
la genesi incoerente d’una pena
emblema di una fiamma or fioca,
polvere unica mandante al ruolo:
piacente, tradita e al fine arresa.

dic 23, 2020 - Calamai, Cicatrici    Dicevi?

È di nuovo il post del 25

Arrocca e tintinna,
rifugia e molesta,
rinvia e corteggia.

Stoccafisso di rimpallo,
senza fiato, ligio al litigio,
irriverente da megafono
e venduto al commercio delle fusa.

Sbatte la fronte, arriccia le palpebre,
chiede ad ogni sbalzo di tensione
ed ottiene mormorii di finta persuasione.

Al solco ruota e ingordo,
trono e puleggia,
scarto e ronzio,
inno e arrocco.

Bofonchia, spulcia,
si ribalta e ondeggia.

Resta, ricomincia e s’alza.

Ben venga.

ott 9, 2020 - Calamai    Dicevi?

Dal fiore deriso

Sfrigola,
a stento soffice,
prima ammalia
poi ritorce.

Sputasse,
avvolto e parco,
al ridacchio d’ombra
si gonfierebbe di fiamme.

Sbadato,
cortese per vizio,
ossequio e liso,
dal fiore deriso.

lug 26, 2020 - Calamai, Polaroid, Senza cicatrici    Dicevi?

Alloro

Frinir del resto
com’avessi un dato tempo
scansando il dispendio
dell’andata disperso
brilla d’alloro
stringe il sangue
e della sera piange.

Sgocciola un tepore
lontano dal porsi
eccentrico al porgersi
eppure refuso ed onesto
propenso al ballo
e per un volgersi
specchio d’orgoglio.

Pagine:1234567»