mag 29, 2012 - Polaroid    Dicevi?

Il mio nome è

Quando a Kumasi l’uomo George
m’ha alzato sopra il tetto del Tro-Tro
ed ho visto l’umanità brulicare
io non capivo di quale attesa si trattasse.

Quando a diciotto son tornato a casa
sul treno clandestino dall’Olanda
e il cane del poliziotto quasi mi ha morso
arrivato alla stazione di Bergamo
una ragazza mi ha prestato 1200 lire
per farmi il biglietto
perchè tornavo a casa senza un soldo
con nello zaino mezz’ Europa:
quello sguardo che le ho rivolto
io non capivo cosa aspettasse.

Quando alla terza Londra
mi son fermato al punto cardine
nel centro del Tower Bridge
il vecchio Tamigi al nuovo sguardo
non era agitato
ma io non scardinavo lo sguardo amico
del prottegi corona.

Quando mi han sequestrato il passaporto
mentre in cielo volavano missili terra aria
e io sentivo puzza di gasolio
mancavo al blu degli occhi
disperso nel Mediterraneo
io non capivo di cosa avessi paura.

Quando a Saint Malo
mi son bagnato nel sale dell’Oceano
mentre mamma era distesa sul bagnasciuga
furba è arrivata l’alta marea
e l’ha sorpresa ridendo
io non sapevo dare il nome
a quella senzazione.

Quando a Santiago
i miei piedi han vibrato
il passaggio del Botafumeiro
e il vento sacro mi ha accarezzato
io quella stanchezza del camino
non la capivo oltre l’arrivo.

Quando dal battello
la torre si è illuminata
e l’oro splendeva
mentre Parigi ci cullava
io non riuscivo
a chiamare il nome di quel profumo.

Quando a Copenaghen
quella sera in piazza centrale
tutti si son messi a ballare il walzer
la pace danzante andava oltre
ed io non vedevo dove sfumassero le note.

Quando siamo usciti dalla chiesa
e tutti gli amici ci hanno applaudito
ripieni di riso e futuro
io non sapevo quale fosse il contorno del mondo.

Quando in quel pub
la birra arrossava il violino e l’arpa
fuori bussava il vento
mentre la pioggia bagnava la nostra festa
io non afferravo quel calore intenso.

Ma poi
ho capito:
tutta quella luce
tutta quella vita
io la conservavo negli occhi
per aspettare il giorno
in cui sei nato
e donarti il racconto
del nostro amore per te.

Perciò figlio mio
son qui a chiederti un unico perdono
di quell’essere distante da chi sono
di quel fiume che non argino
dal voler darti il meglio
e sentirsi già sfuocato fuori campo:
sarò umano
cadendo e stringendoti la mano
mi rialzerò d’ora in poi
per sollevarti al mondo
perchè tu sei quanto
e mentre ti guardo
non c’è più nè come nè quando.

apr 26, 2012 - Polaroid    1 Commento

Tris

Ciao
fior di mani
naso tondo mondo
occhi per me
luce di mamma
ciao.

Dove sei stato
per quell’altro tempo
in quali astri
hai brillato l’attesa?

Raccontaci:
abbiamo un intero terzo giro
perchè tu ci possa insegnare.

Sei qui per il nostro tutto?
Sarai grande quando curveremo?

Benvenuto:
accomodati tra me e lei,
ti si offre il mignolo:
stringilo forte
perchè ora si inchina il sole
il bosco ti osserva dal cielo
la grotta ha un sussulto
la ruota del presepe risuona
le babbucce raccontano la strada
e la via è illuminata a festa.

Respirarti
è un miracolo
che rinasce quotidiano.

Vieni,
andiamo.

mar 31, 2012 - Mangianastri    Dicevi?

Gomena

Allora,
dov’è?
Taglia il bosco
scuoce la pasta
sbolle la rabbia
rassegna stampa del destino
Manhattan
allora me la conti su
questa maraviglia
io non riesco a capire
ruguso d’entrata
e vellutato al rientro
perchè corteggiare?

L’alba s’oceana
l’aria rialza la grazia.

Pace nell’aria
un cardellino
un racconto astratto
un parlar di segni
sorrisi cotti per ombre
magliette a maniche corte
tagliate a guisa di coriandoli
io non riesco a capire
mi si vede la tempia?

Risplendo sottocoperta
troppa esposizione
vengo bruciato
fra la patina e il soffuso
scartabellando prime time.

Succo del senso del capoverso
cottage di periferia
d’un violento ashtag
giallo su verde
fotovoltaico e reagente

placido silenzio attento.

mar 7, 2012 - Polaroid    Dicevi?

Biribissi

Astro perplesso
appeso al conio
d’un centro distorto:
cupo pensiero,
fiero mosto nero
rivolo sincero.

Distogli gli artigli
dagli aghi per spilli:
nenia l’inerzia,
cogli scorze d’aria
e carezza con veglia
le cure di labbra.

feb 12, 2012 - Senza cicatrici    1 Commento

Sono otto anni già

Sono otto anni già:
infinito disteso tendente al cielo
campane in festa per l’amore ritrovato
coppia accanto d’anelli fusi nel tango
nuovamente pronti ad un eterno bacio.

Non mancherete perchè siete
nel primo vagito dell’ultimo sole
oltre la calce della via al Piave
nostro cemento e nostro fiore.

Andate liberi di rinascere,
litigare e cantare:
avrete primavera ch’aspetta
e nuove gambe per scivolare
sull’erba fresca.

Racconta note di pace
rivedervi ballare.

Pagine:«1...13141516171819...94»